Statuto
+39 0331.214611      gianfrancoferrario@ascomnet.it
Login

Statuto

ARTICOLO 1 – DENOMINAZIONE

Ai sensi dell’articolo 3 dello Statuto Sociale dell’Unione delle Associazioni Commercianti della Provincia di Varese (UniAscom), è costituito, presso la sede dell’Associazione Commercianti del Gallaratese, con durata illimitata, il GRUPPO GIOVANI IMPRENDITORI di UniAscom, quale espressione unitaria degli associati a UniAscom che non abbiano compiuto il 40° anno di età.

Il Gruppo condivide i principi che ispirano le attività di UniAscom, è apartitico, non ha fini di lucro.

D’intesa con UniAscom, può aderire ad organismi che abbiano per scopo lo sviluppo delle politiche legate all’imprenditoria giovanile.

 

ARTICOLO 2 – FINALITA’

Il Gruppo si prefigge di:

1) promuovere la crescita professionale dei giovani imprenditori;

2) valorizzare il ruolo dei giovani imprenditori negli ambiti sociali e istituzionali;

3) stimolare lo spirito associativo quale componente essenziale del Gruppo;

4) favorire, anche attraverso programmi di formazione, organizzazione di convegni e

partecipazione ad incontri, la nascita della “cultura di impresa”;

5) contribuire allo sviluppo di UniAscom, favorendo la partecipazione di propri rappresentanti

alle iniziative e agli organismi di UniAscom e delle Associazioni Territoriali e svolgendo azione

di elaborazione e proposta nei confronti degli Organi di UniAscom;

6) promuovere la diffusione dei propri contenuti morali e professionali;

7) promuovere all’esterno l’immagine di serietà, operosità e vicinanza alla società civile insita

nello spirito della giovane imprenditoria del Terziario.

 

ARTICOLO 3 – SOCI

Sono Soci di diritto del Gruppo i membri – che non abbiano compiuto il 40° anno di età – degli Organi elettivi:

a) delle Associazioni di Categoria e Territoriali che costituiscono UniAscom;

b) di Sindacati, Gruppi o strutture di categoria esistenti all’interno di UniAscom e delle singole Associazioni Territoriali;

Possono aderire al Gruppo in qualità di Soci ordinari i soggetti che non abbiano compiuto il 40° anno di età e che, nell’ambito di imprese o attività professionali regolarmente iscritte ad

Associazioni costituenti UniAscom, siano titolari, legali rappresentanti, soci di società di persone o di capitali, coadiuvanti.

La qualità di Socio si perde automaticamente al termine dell’anno solare nel corso del quale si è compiuto il 40° anno di età; ove il soggetto ricopra cariche sociali, tale qualità si perde alla scadenza del mandato.

 

ARTICOLO 4 – ORGANI

Gli organi del Gruppo sono:

l’Assemblea

il Consiglio Direttivo

il Presidente

 

ARTICOLO 5 – DURATA DELLE CARICHE, INCOMPATIBILITA’, DECADENZA

Le cariche degli organi sono “ad personam” e il loro esercizio non può essere delegato salvo quanto espressamente previsto dal presente Regolamento.

Tutte le cariche sono gratuite e hanno durata Triennale.

Il Presidente ed i Vicepresidenti che hanno ricoperto i rispettivi incarichi per due mandati consecutivi, non sono rieleggibili alla medesima carica.

Non può candidarsi a far parte degli Organi del Gruppo – e, se eletto, decade automaticamente ed immediatamente dalla carica – chi:

a) ricopra incarichi di natura politica o amministrativa in partiti o movimenti politici, Enti Locali ed Istituzioni;

b) ricopra incarichi di qualsiasi natura all’interno di Organizzazioni Sindacali dei lavoratori;

c) sia dipendente o collaboratore in via coordinata e continuativa di UniAscom, di una delle Associazioni territoriali o di una società da esse, anche indirettamente, controllata o

partecipata;

d) sia portatore, per qualsivoglia motivo, di interessi propri o di terzi in possibile conflitto con gli scopi sociali o anche solo con gli interessi di UniAscom.

La decadenza dalle cariche sociali opera anche nel caso in cui le cause di incompatibilità di cui al presente articolo, pur inesistenti al momento dell’insediamento, abbiano a verificarsi in

corso di mandato.

Il Consiglio Direttivo dichiara decaduto dalla carica il Consigliere che sia risultato assente ingiustificato alle riunioni per tre sedute consecutive.

In ogni caso, il Consiglio si riserva la facoltà di valutare caso per caso la fondatezza delle giustificazioni addotte ed eventualmente di dichiarare ugualmente decaduto il Consigliere

risultato assente per tre sedute consecutive. In questo caso è ammesso ricorso al Consiglio di Presidenza di UniAscom entro il termine di giorni trenta.

 

ARTICOLO 6 – ASSEMBLEA

L’Assemblea è costituita da tutti i Soci di diritto e ordinari in regola con gli adempimenti stabiliti dal presente Regolamento e con il versamento di contributi associativi.

Essa si riunisce in seduta ordinaria almeno una volta all’anno ed è presieduta dal Presidente che la convoca almeno quindici giorni prima della data prevista per la riunione, tramite avviso su notiziario associativo di UniAscom o, se ritenuto opportuno dal Consiglio Direttivo, con lettera semplice, fax o messaggio di posta elettronica. La convocazione deve contenere giorno,

data, ora e luogo della riunione, oltre all’ordine del giorno.

Nell’avviso deve essere indicata la seconda convocazione che può essere tenuta anche un’ora dopo la prima, qualora la prima andasse deserta.

L’Assemblea:

• fissa gli indirizzi generali dell’azione del Gruppo;

• elegge i componenti del Consiglio Direttivo;

• approva i rendiconti preventivo e consuntivo predisposti dal Consiglio Direttivo;

• delibera su ogni altro argomento posto all’ordine del giorno.

L’Assemblea Ordinaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza in proprio o per delega di almeno il 50% degli associati; in seconda convocazione qualunque sia il

numero degli associati intervenuti.

Ogni avente diritto a partecipare all’Assemblea può delegare la propria rappresentanza ad altro socio, purché munito di delega scritta; nessun componente può essere portatore di più di

una delega.

Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto della parte che comprende il Presidente.

Se riguardano persone, le votazioni sono prese a scrutinio segreto; in caso di parità vengono ripetute, salvo che per le elezioni a nomine, ove prevale la persona di maggiore età.

 

ARTICOLO 7 – ASSEMBLEA STRAORDINARIA

L’Assemblea in seduta straordinaria è convocata dal Presidente con le stesse modalità di cui all’art. 6 del presente Regolamento, su iniziativa dello stesso Presidente o dei due terzi del

Consiglio Direttivo o di un terzo dei Soci di diritto e ordinari in regola con gli adempimenti previsti dal presente Regolamento e con il versamento dei contributi associativi. In

quest’ultimo caso i proponenti forniranno l’ordine del giorno. In ogni caso la convocazione deve contenere giorno ora e luogo dell’incontro.

Essa delibera su argomenti di particolare rilievo che il Presidente o il Consiglio Direttivo o i Soci che hanno chiesto la convocazione intendono sottoporre.

L’Assemblea straordinaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza in proprio o per delega di oltre il 50% degli Associati e in seconda convocazione qualunque sia il numero degli associati intervenuti.

Ogni avente diritto a partecipare all’Assemblea può delegare la propria rappresentanza ad altro socio, purché munito di delega scritta; nessun componente può essere portatore di più di

una delega.

Le deliberazioni sono prese a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto della parte che comprende il Presidente.

Se riguardano persone, le deliberazioni sono prese a scrutinio segreto; in caso di parità vengono ripetute, salvo che per le elezioni a nomine, ove prevale la persona di maggiore età.

Ove la convocazione dell’Assemblea straordinaria sia richiesta dai due terzi del Consiglio Direttivo o da un terzo dei Soci di diritto e ordinari in regola con gli adempimenti del presente

Regolamento e con il versamento dei contributi associativi, il Presidente ha l’obbligo di procedere alla convocazione nei quindici giorni successivi al ricevimento della richiesta.

 

ARTICOLO 8 – CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da quindici Consiglieri eletti dall’Assemblea, di cui almeno cinque scelti tra i Soci di Diritto; fra di essi, deve essere assicurata una rappresentanza

adeguata a ciascuna delle Associazioni Territoriali della Provincia di Varese, costituenti UniAscom.

Fa parte di diritto del Consiglio Direttivo il Presidente uscente che non sia rieleggibile per scadenza del secondo mandato. In tal caso, al fine di non superare il numero di quindici

membri del Consiglio Direttivo, i Consiglieri da scegliersi fra i Soci di Diritto si ridurranno a quattro.

Il Consiglio Direttivo:

• elegge al proprio interno il Presidente del Gruppo e su proposta di quest’ultimo fino a due Vicepresidenti;

• determina annualmente eventuali contributi a carico degli iscritti su parere conforme del Consiglio di Presidenza di UniAscom;

• provvede all’inizio di ogni anno alla redazione del programma di attività e ne cura l’esecuzione;

• è responsabile dell’ordinaria e straordinaria amministrazione;

• nomina i componenti delle Commissioni incaricate dell’attuazione delle attività anche scegliendo tra gli associati;

• designa nel proprio ambito un membro delegato ai rapporti con il Gruppo Regionale Giovani Imprenditori;

• su proposta del Presidente procede alla cooptazione di nuovi Consiglieri fino ad un massimo di tre;

• approva i rendiconti preventivi e consuntivi che andranno sottoposti all’approvazione dell’Assemblea entro il 30 giugno di ogni anno.

Il Consiglio Direttivo è validamente costituito con la presenza della maggioranza dei suoi membri, ciascuno dei quali ha diritto ad un voto. Esso delibera a maggioranza dei presenti; in

caso di parità, prevale il voto della parte che comprende il Presidente.

Le votazioni del Consiglio sono di norma palesi, salvo che riguardino persone. In tal caso, qualora si versi in situazione di parità, vengono ripetute, salvo che si tratti di elezioni a

nomine, nel quale ultimo caso prevale la persona di maggiore età.

Alle riunioni del Consiglio Direttivo può presenziare il Presidente di UniAscom o un suo delegato.

Partecipa a tutte le riunioni del Consiglio Direttivo, con funzioni di Responsabile della Segreteria del Gruppo, il Direttore dell’Associazione Commercianti del Gallaratese o un suo

delegato.

 

ARTICOLO 9 – IL PRESIDENTE

Il Presidente è eletto nell’ambito del Consiglio Direttivo ai sensi dell’articolo 8 del presente Regolamento.

Il Presidente è il legale rappresentante del Gruppo. Ha poteri di firma che può delegare ai Vicepresidenti.

Convoca il Consiglio Direttivo almeno quattro volte in un anno, presiede l’Assemblea e nei casi di urgenza può agire con i poteri del Consiglio riferendo alla prima riunione dello stesso per la convalida del suo operato.

 

ARTICOLO 10 – SEGRETERIA

Le funzioni di Responsabile della Segreteria del Gruppo sono esercitate dal Direttore dell’Associazione Commercianti del Gallaratese.

La gestione della Tesoreria compete ad UniAscom o a soggetto da essa delegato per iscritto.

 

ARTICOLO 11 – RINVIO

Per tutto quanto non contemplato nel presente Regolamento si applicano, ove compatibili, le disposizioni previste dallo Statuto di UniAscom; in particolare, le funzioni di controllo

amministrativo sono demandate al Collegio dei Revisori dei Conti in carica presso UniAscom.

 

ARTICOLO 12 – MODIFICHE AL REGOLAMENTO

 Il Consiglio Direttivo può avanzare proposta di modifica del presente Regolamento al Consiglio di Presidenza di UniAscom.